foto_trust_and_ozone-25

TRUST GAMING GXT 638 – Un buon compromesso qualità-prezzo

Di come Trust si sia buttata nel mondo del Gaming, ne abbiamo già parlato nella recensione della tastiera GXT 880, oggi analizzeremo una parte davvero importante in tutto l’ambito gaming, l’audio, più precisamente di un set di altoparlanti 2.1 utile per giocare tanto quanto per vedere film.

Il Kit Trust GXT 638 è veramente versatile: fatto per chiunque voglia sentire tremare la casa a suon di sparatorie, esplosioni, inseguimenti e molto altro, oppure per chi si trova scomodo con le cuffie o desidera semplicemente godersi al massimo un film o un serie TV.

A risaltare, ovviamente, è il subwoofer, nero e molto ingombrante, ma fatto con dei buonissimi materiali, protetto da una grata in metallo e con un design minimale.
L’altoparlante interno è da 7 pollici ed in grado di generare bassi davvero marcati.
Risaltano meno i satelliti, che nonostante la plastica economica di cui sono fatti ed il design davvero poco elegante, svolgono comunque il loro compito, con degli alti davvero puliti senza sfociare in distorsioni.
Il subwoofer, nel quale sono presenti anche i tasti di controllo del volume, non è troppo pesante anche se tuttavia ingombrante. Sia il settaggio che l’accensione possono essere attuati da remoto, quindi il problema sopra citato è ovviato dal comodissimo telecomando.

foto_trust_and_ozone-119

Il sistema offre infatti due tipologie di connessione: una analogica ed una digitale, che potrete switchare quando volete grazie all’apposito tasto sul telecomando, per esempio per alternare rapidamente dal gioco alla musica del vostro smartphone. Un’altra prova della sua versatilità è la compatibilità con qualsiasi dispositivo che possiede un ingresso jack 3,5mm ( PC, laptop, smartphone, tablet). Grazie al cavo ottico, si potrà collegare il set alle console, sia di vecchia che di nuova generazione.

foto_trust_and_ozone-109

Una volta settato tutto e scelto come sfruttare al massimo questo set di altoparlanti, inizia la customizzazione” del sound; certo, non aspettatevi chissà quale varietà di equalizzazione, infatti gli unici valori controllabili sono quello del subwoofer e quello del volume: quindi avrete dei bassi totalmente indipendenti dal volume generale e, vista l’elevata qualità del suono riprodotto la eccellente distinzione tra bassi ed alti.

Potenziare alti o bassi è davvero semplicissimo ed immediato; avrete così tutto il tempo di concentrarvi sulla qualità dell’impatto sonoro, che secondo le caratteristiche, raggiunge un massimale di 60W RMS.

foto_trust_and_ozone-129 foto_trust_and_ozone-122

Ho testato il GXT 638 in vari campi, dal gioco all’ascolto di vari generi musicali e posso solo dire che svolge in maniera egregia il suo compito. Con bassi e volume al massimo, il suono non perde qualità e l’atmosfera che crea è davvero coinvolgente.

La lunghezza dei cavi dei satelliti è perfetta, poco più di 2 metri, per metterli dove meglio si crede, come pure il cavo ottico; il cavo di alimentazione, poco più di 80cm, e quello analogico, non più di 50cm, invece, non lasciano libera scelta sul posizionamento delle casse, le quali risultano essere perfette per una scrivania ma limitanti in un ampio locale dove si è costretti a ricorrere ad una prolunga.

Se cercate un impianto audio 2.1 che sfiora i 100€, Il GXT 638 potrebbe fare davvero per voi: pronto all’uso, utile in molte occasioni e in grado di offrire una buona qualità sonora.

Il telecomando permette di gestire comodamente i volumi e il rapido switch tra i due canali; perfetto mentre giocate o guardate un film.

foto_trust_and_ozone-144 foto_trust_and_ozone-137

Un miglioramento per quanto riguarda i materiali ed il design e una migliore qualità audio mi avrebbe fatto pentastellare questo prodotto, ma rimane comunque consigliatissimo per la fascia di prezzo in cui si è inserito.

Voto Generale7
Qualità Costruttiva7.5
Qualità Audio8
Design6.5
Prezzo7.5

stelle-3-su-5

Diteci cosa ne pensate, la possedete già? Commentate qui sotto dicendocelo.

 

Commenti