Grande, robusta e bella

Recensione Corsair K70 RGB: una tastiera quasi perfetta

Bentornati amici sgleppatori ! Siamo tornati in questa nuova recensione carichi come tacchini v12 modello 3510 per narrarvi la storia di una tastiera…La quale ci è arrivata circa 2 mesi fa e che, durante il nostro periodo di inattività, abbiamo usato e testato a non finire. Stiamo parlando della nuova ed esclusiva Corsair K70 RGB RapidFire. A differenza dalle altre corsair implementa degli switch Cherry MX totalmente nuovi e diversi dagli altri, chiamati MX Speed e di colore argento. Il nome si fa valere ed effettivamente, dopo svariate ore di utilizzo, una netta velocità la si nota a patto di abituarsi.

Bella, elegante e robusta…

La differenza dagli altri Switch è notevole, si passa dai 2,0mm di corsa, o punto di attuazione, dei classici MX rossi e neri all’1,2 mm di questi MX Speed. Questo significa una risposta più veloce alla pressione del singolo tasto ed una minore resistenza visto che in comune con gli switch rossi richiedono 45grammi di pressione per attivarsi, peso minimo per i Cherry. Considerando quindi questa piccola ma importante premessa, vi sarete fatti più o meno un’idea di come si comporta questa tastiera.

Nuovo colore, nuove prestazioni
Nuovo colore, nuove prestazioni

Risulta estremamente versatile in quanto è ottima sia per giocare ad un fps o moba, che per scrivere, in particolar modo per i progammer che possono apprezzarne la rapidità. Ma iniziamo a guardarla più nel dettaglio.

Come molte altre tastiere corsair, questa k70 rgb rapidfire si mostra con un design minimale ma robusto. La parte superiore con switch a vista è in alluminio spazzolato nero che le dona un look elegante oltre che semplice da pulire.

Uno dei controlli del volume più comodi sul mercato
Uno dei controlli del volume più comodi sul mercato

Sono ovviamente presenti i classici tasti multimediali oltre che ad un tasto per regolare la luminosità della tastiera in 4 differenti step ed il tasto per bloccare il windows-key. Immancabile, come nelle altre K70, la rotellina del volume con il relativo tasto muto, come la porta USB posteriore alla tastiera, perfetta per collegarci eventuali periferiche che siano di pennette usb o mouse. Come oramai su tutte le tastiere meccaniche c’è lo switch selettivo in 4 step del polling rate oltre ad un’ulteriore step che disabilità moltissime funzioni della tastiera per mandarla in retro-compatibilità con vecchi sistemi operativi e vecchi bios non UEFI.

Profili rapidi e retrocompatibilità
Profili rapidi e retrocompatibilità

Non troppo distante troviamo anche il cavo di collegamento che oltre ad essere spesso, robusto e sleevato si divide alla fine in due porte usb non placcate in oro.

Usb 2.0 basta e avanza, ma con una 3.0 sarebbe bastato un cavo forse
Usb 2.0 basta e avanza, ma con una 3.0 sarebbe bastato un cavo forse

Una servirà per alimentare la porta USB supplementare, facendo da prolunga, e una per far comunicare la tastiera con il PC.

Nella parte inferiore troviamo invece una scocca in plastica ABS robusta caratterizzata da ben 4 piedini per poter alzare o abbassare come meglio preferiamo la k70 rapidfire.

dsc_3986
Scocca in ABS
dsc_3982
Dettaglio di un piedino antiscivolo
Piedini multiposizione. No non fa la ola quando killate qualcuno.
Piedini multiposizione. No non fa la ola quando killate qualcuno.

Essendo anche antiscivolo permettono una ottima aderenza sulla scrivania. Il pacchetto completo pesa solo 1,2 kg e questo la rende buona anche per eventuali spostamenti da lan party. In abbinamento alla tastiera, corsair fornisce anche un comodo e più raffinato poggiapolsi, rispetto alla vecchia Strafe che recensimmo molto tempo fa. Quest’ultimo infatti risulta non solo più bello, ma anche meno propenso a sporcarsi. Il meccanismo di fissaggio è semplice e a meno che non lo tiriate a terra difficilmente si romperà.

dsc_4000
Dettaglio del poggia polsi gommato

Se poi il feeling con la tastiera per voi è tutto sappiate che insieme al poggiapolsi troviamo due set di tasti aggiuntivi grigliati ,se così possiamo definirli, e profilati per un maggiore grip e confort delle dita. Troviamo due set distinti ,non sono doppioni per eventuali bischeri li perdono, ma perchè sono pensati per due tipi di gioco differenti: gli FPS e i MOBA.

Giochi diversi, keycaps sostituibili
Giochi diversi, keycaps sostituibili

Io però a questo punto so cosa volete. Volete vedere i led, la tamarria, il need for speed che è dentro di voi, ma prima di tutto ciò devo spiegarvi il software correlato.

Il Corsair Utility engine, abbreviato con l’acronimo CUE, è il medesimo della Corsair Strafe anche nelle difficoltà di utilizzo per chi lo utilizza la prima volta. Tuttavia quando lo imparerete ad utilizzare vi stupirete delle potenzialità che fornisce.

1
Qui possiamo vedere in tempo reale cosa viene mostrato sulla tastiera…una cosa fighissima !!!
11
Nella scheda “Azioni” possiamo vedere come sono stati programmati i tasti del profilo da noi scelto
12
Nella scheda “Illuminazione” vediamo come sono stati settati i tempi dei led per comporre l’illuminazione dinamica
14
Nella scheda “Impostazioni” troviamo i vari parametri del programma oltre che la possibilità di aggiornare il firmware della tastiera

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il software ha 4 differenti menù. Nel primo possiamo scegliere i diversi profili da utilizzare sulla nostra K70 RapidFire. Ognuno di essi può essere modificato sotto il punto di vista dell’illuminazione e dell’assegnazione dei tasti, oltre ad eventuali modifiche alle impostazioni della tastiera che andremo a trovare nella suddetta scheda “prestazioni”.

3
Creazioni di Macro
4
Impostare un testo in automatico
5
Oppure una serie di testi in automatico
6
Creare dei collegamenti a programmi
7
Pure i “DPI”…questi sconosciuti
8
Ripetere azioni in automatico
9
Chi ha bisogno del mouse e uso la tastiera
10
Quando i tasti multimediali ti fanno schifo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ovviamente se non abbiamo voglia di creare un profilo lo possiamo direttamente scaricare nel forum corsair ed importarlo (o esportarlo nel caso fossimo noi a volerlo condividere) a seconda del gioco che eseguiamo.

Rgb chi?
Rgb chi? Sta per Rosso Bianco e Blu?

Ovviamente possiamo creare macro o serie di battiture e collegamenti a programmi da richiamare per qualsiasi evenienza. Nota importante: è la tab “illuminazione” che permette di creare un effetto luminoso dinamico, mentre quella delle “impostazioni” ci consentirà di modificare importanti parametri della tastiera. Per esempio potremo cambiare dal layout al pooling rate o addirittura aggiornare il firmware della K70 RapidFire.

Dopo mesi e mesi di utilizzo, questo programma inizia a farsi valere e caso vuole che, proprio pochi giorni fa dalla data di uscita di questo video, Corsair ha reso disponibile al download il CUE 2.0, ovvero una versione del programma migliorata, più user frendly. Più semplice e con maggiori funzionalità anche sotto il punto di vista dell’illuminazione. Unico neo? Molti dei profili che scaricheremo dal forum funzioneranno a metà o per niente affatto, in quanto furono sviluppati con la prima versione del CUE. Ecco alcuni screen del CUE 2.0.15-1 16-1 17-1 18-1 19-1 20-1 21-1 22-2.

Ultima cosa che sicuramente avrete visto, è la possibilità che offre il programma di collegare i vari dispositivi Corsair tra loro, quindi tastiera, mouse, cuffie e tappetino sincronizzando le impostazioni di colori per rendere il tutto più bello e figo in questo ecosistema tamarro.

Sì, siamo fieri
Sì, siamo fieri

Vi abbiamo rotto abbastanza con la parte tecnica e possiamo passare all’ultima cosa che vi interessa, ovvero l’illuminazione. Non voglio rovinarvi questo fantastico momento di eccitazione quindi mi limiterò a farvi vedere una gif.

led
Per me è abbastanza tamarra

Concludendo possiamo dire solo che è dannatamente figa. A parte scherzi, iniziamo a parlare del prezzo. Al momento è possibile trovarla da un prezzo compreso tra 189 euro ed i 219€, a seconda dello shop. Un prezzo decisamente alto ma molto specifico per alcuni. È dedicata al videogiocatore che vuole il meglio dalla sua configurazione, perché se è per le luci colorate può cercare altrove prodotti più economici per giocare a minecraft. La tastiera non ha niente che manca. Tasti personalizzati per un maggiori grip, illuminazione RGB, materiali al top e robusti. Unica pecca è la rumorosità che di giorno è trascurabile ma di notte non tanto. Però oltre alla Nova touch, è impossibile avere una tastiera meccanica silenziosa.

L’unica cosa che potrebbe dar fastidio ad alcuni, un pò come lo era nella STRAFE, è il cavo: praticamente un flagello da usare contro se stessi quando si perde e che potrebbe dar noia nel cablaggio della vostra scrivania.

dsc_0012
Dettaglio del robusto e sleevato cavo USB di collegamento

Il software è stato molto migliorato, aspetto soltanto che i profili vengano aggiornati e poi passo al CUE 2.0. Ciò che mi ha deluso di più è che, in una tastiera del genere, non ci sia modo di integrare una sorta di memoria per portarsi dietro i profili illuminanti. Cioè, possiamo si, memorizzare un profilo sia sotto il punto di vista della programmazione dei tasti che della luminosità ma, quando andremo ad attaccare la tastiera, rimarrà statica e non sarà più dinamica. Per farlo bisognerà installare il software CUE di Corsair nel pc in cui andiamo a collegare la tastiera. Mancanza che forse in 200 euro poteva essere benissimo risolta con una memoria interna. Per il resto, niente da dire, è una tastiera quasi perfetta.

Se volete vedere altre foto cliccate qui

Se volete scaricare il pacchetto di profili cliccate invece qui

Se invece vuoi vedere il video completo clicca qui

 

Voto Generale8.7
Qualità Costruttiva9
Ergonomia9
Design9
Software8.5
Prezzo8

stelle-4-su-5

 

Commenti