DSC_0153 - Copia

Nvidia Shield TV, tutti seduti sul divano!

Ciao amici Sgleppatori, state per leggere la recensione della Nvidia Shield TV, uno scatolotto multimediale su cui gira Android TV personalizzato in parte dalla società californiana. Cos’è una Android TV? Tutto ciò di cui avete bisogno se volete un media center casalingo semplice, potente e versatile. E cosa ha la Shield TV in più? Proseguite la lettura per saperlo!

DSC_0153

Che cos’è Shield TV

DSC_0150
La Shield TV è una CONSOLE (si, avete letto bene), costruita su hardware Nvidia e basata sul sistema operativo Android Marshmallow 6.0. Il suo compito è quello di fare da centro multimediale della casa: con essa potrai giocare, guardare film e video, ascoltare musica, e fare qualunque cosa oggi puoi fare con un tablet o smartphone android (tranne telefonare!).

La componentistica Hardware si basa sul SOC Nvidia Tegra X1, un chip Octa-Core in configurazione big.LITTLE con 4 processori Cortex A53 per applicazioni leggere e dal basso consumo, e 4 processori Cortex A57 per i programmi più esosi, con una frequenza massima di 2Ghz. Punto forte di questo prodotto è il lato dedicato al rendering video, ovvero ai 256 CUDA core basati su architettura Maxwell.
Completano il lato tecnico 3GB di RAM e 16GB di memoria flash integrata. Volendo, è possibile collegare via USB una chiavetta o un hard disk e impostarlo come memoria principale, su cui installare giochi, aggiornamenti e file video/audio.

TL;DR la console è capace di erogare fino ad 1TeraFlops di potenza, per un consumo massimo di 20W.

L’efficienza energetica è il punto forte di questa console, difatti consuma solamente 5W in idle e poco meno di 10 durante la visione di Youtube o Netflix, con picchi di 20W utilizzando i giochi che girano nativamente sulla console. In questo caso la temperatura massima raggiunta è stata di 35°C, decisamente contenuta e tranquillizzante: niente logo rosso della morte, baby!

DSC_0037

Unboxing

Partendo dal contenuto della scatola, iniziamo ad analizzare il prodotto.

DSC_0143

Innanzitutto troviamo la console vera e propria, un monolito nero dalle dimensioni contenute e dal peso ridotto, con un design particolare e geometrico.
Sul lato frontale è presente un led lungo il lato del triangolo lucido, e un pulsante capacitivo con inciso il logo dell’azienda produttrice.

DSC_0146

La parte retrostante è caratterizzata dalle feritoie per il pescaggio dell’aria fresca e null’altro, mentre la parte posteriore racchiude tutte le porte di I/O disponibili, ovvero un ingresso per memorie microsd fino a 2TB, una porta micro usb, due porte USB3.0 a cui è possibile collegare dispositivi di memorizzazione o mouse e tastiera, una porta Ethernet gigabit e una uscita video HDMI 2.0, capace di gestire uscite video 4K a 60fps. Poco sotto la porta per il connettore di alimentazione proprietario.
Non le vedi ma sono presenti le connessioni Wi-Fi AC e Bluetooth 4.1.

DSC_0141

Il restante contenuto della confezione è formato da un controller di cui parleremo in seguito, un cavo USB-MicroUSB per la ricarica dello stesso,  un cavo HDMI per la connessione con la TV e l’alimentatore con doppia presa italiana e americana. Ovviamente in italia usate quella italiana, non fate gli hipster.

(lo stand che vedete nelle foto per posizionare la console in verticale è venduto separatamente al prezzo di 29€).

Cosa posso fare con Shield TV

Parecchie cose. Ma andiamo con ordine.

avvio1

Già appena avviata è ben chiaro lo scopo di questa console, giocare e visualizzare contenuti multimediali (eh, ma va? lo hai già ripetuto).

Calmi, vedete lo Shield Hub? In esso trovate le tre principali funzioni gaming della console, più Netflix, che sono sicuro conosciate già abbastanza.

hub

Shield Games racchiude all’interno tutti i giochi  che possono girare nativamente sulla console, come Borderlands the Pre-Sequel, Metal Gear Rising Revengeance, Resident Evil 5 e molti altri, il cui numero cresce costantemente. Essi sono giochi che per funzionare non hanno bisogno altro che della console, un pad e una televisione. Oltre che della corrente elettrica ovviamente.
Questi giochi girano a 1080p 30fps, durante le prove ho testato Resident Evil 5 e non ho notato rallentamenti o lag, niente male se pensiamo che gira su una console così piccola e leggera!

stream

La seconda opzione di gioco che la Shield TV ci offre è GameStream, ovvero la possibilità di giocare sulla tv del salotto ai titoli che possediamo e abbiamo installati sul nostro pc da gaming equipaggiato da scheda video Nvidia GTX e locato in studio o in cameretta, a patto di essere all’interno della stessa rete, sia wifi che cablata.
Devo dire che questa possibilità funziona egregiamente, i giochi girano utilizzando la potenza di calcolo del vostro PC, perciò questo deve essere acceso, e non è possibile utilizzarlo mentre è in atto la sessione di gioco, ed il risultato è pienamente soddisfacente.
Non ho riscontrato problemi nè con l’utilizzo di giochi presenti sulla libreria di Steam nè quelli presenti su Origin; negli altri casi verrà streammato anche il client di avvio gioco, se necessario.

now

L’ultima opzione di gioco che Nvidia ci offre è la più succosa ed interessante, Geforce Now.
Essa è una piattaforma di gioco in streaming, al pari di Onlive e Gaikai, che attraverso un prezzo mensile ci offre la possibilità di giocare in streaming a videogiochi che fisicamente risiedono e vengono eseguiti nel cloud dei server Nvidia, rigorosamente a minimo 1080p (o superiore) e a 60fps stabili.
Questo comporta il punto di forza di questa console: poter giocare ai titoli proposti senza dover disporre di hardware sufficientemente potente, anche a risoluzioni 4K. Inoltre col tempo non vi è bisogno di potenziare il proprio arsenale, in quanto sarà compito di Nvidia potenziare i propri Server per i sempre più pesanti engine grafici dei giochi che usciranno sul mercato.

Non è tutto oro quel che luccica però, questa funzione ha un difetto e un requisito che devono essere presi in considerazione.
Il requisito è il possedere una connessione decente ad internet, cosa molto difficile nel nostro bel paese. I requisiti minimi richiedono 12Mbit in download e un ping minore di 80ms. Con la mia connessione, una 20 Mega Telecom, sono riuscito a giocare a Borderlands e Batman Arkham Knight in modo fluido e senza perdere mai la connessione, ma sacrificando la qualità visiva: gli fps sono sempre 60  ma il flusso video è compresso e si nota, ma non possono certo esser fatti miracoli in questo senso, già il fatto che l’input lag sia presente ma non sia fastidioso è buon segno che questa è la via giusta per il mondo Console.
Il difetto risiede nel fatto che alcuni giochi non è possibile giocarli pagando l’abbonamento mensile di 10€, ma bensì devono essere acquistati come se fossero giochi presenti su Steam (tant’è che insieme alla possibilità di giocarli in streaming riceverete anche una key per attivare il gioco sulla piattaforma Valve).

Avevo detto che Now era l’ultima opzione di gioco fornitaci da Nvidia per questa console, ed in effetti è così, perchè questa quarta opzione di gioco di cui vi sto per parlare è offerta dalla piattaforma Android TV.

Google Play Store_20160824_170231

Come anticipato prima, la console gira sul sistema operativo Android, in veste ottimizzata graficamente e funzionalmente per l’utilizzo con una TV, ciò comporta la possibilità di installare un enorme catalogo di applicazioni e giochi presenti sul Play Store di Google. Non tutte quelle disponibili per smartphone e tablet possono essere scaricate, ma solo quelle compatibili a questa modalità di utilizzo che sono comunque molte e spaziano tra tutte le categorie esistenti.

Gli Accessori

Insieme alla console è fornito un Controller Shield, che è possibile anche acquistare separatamente al prezzo di 59€.
DSC_0130

Il controller prende la forma del diffusissimo pad per Xbox 360, lo rende squadrato e dispone il layout di croce direzionale e levette come nei controller di casa sony. La qualità delle levette è decisamente elevata, sono precise e stabili, mentre la croce direzionale ha un feedback un po’ pastoso e potrebbe essere leggermente più grande.
L’impugnatura è strana ma comoda, la conca sul retro supporta perfettamente la disposizione dell’anulare e del mignolo lungo le guance del pad, mentre i grilletti hanno un buon feedback e una corsa netta. Un po’ peggio i dorsali destro e sinistro che non danno una risposta soddisfacente alla pressione.
Nella parte centrale del pad troviamo i tasti capacitivi classici di Android come Home e Indietro e un quarto tasto illuminato riportante il logo Nvidia, da premere per accendere il pad e connetterlo via bluetooth alla console, oltre al forellino per il microfono utilizzato per i comandi vocali che vedremo in seguito.

DSC_0131

la ricarica della batteria integrata, della durata di circa 10 ore, avviene attraverso la porta microusb posta sul lato superiore del pad, di fianco alla presa jack per l’headset: supporta l’audio completo in uscita nonchè un microfono in entrata, potete quindi usarlo sia per la visione di contenuti multimediali che per le chat di gioco, piccola chicca davvero apprezzata di questo pad. é possibile inoltre utilizzarlo collegato via cavo ad un PC, ma non in modalità wireless, peccato.

DSC_0135

Per finire, nella parte inferiore è presente un minuscolo trackpad e i tasti per regolare il volume di gioco.

DSC_0137

Altro accessorio disponibile (e assolutamente consigliato) è il Remote Controller, un telecomando wireless utilizzato per gestire la console come media center. é caratterizzato da un foro per il microfono, un pulsantone centrale circondato da quattro pulsanti direzionali nascosti sotto un anello di plastica, e sotto di essi i tasti Indietro e Home di android. Il tasto centrale con il logo del microfono è utilizzato per avviare gli OTTIMI comandi vocali, vero fiore all’occhiello di questa console, e poco sotto nel corridoio centrale si cela uno slider capacitivo per la regolazione del volume. La parte superiore presenta ugualmente al pad un jack per microfono e una porta micro usb per la ricarica.

CONCLUSIONI

Ma quindi, vale la pena acquistare questa Shield TV?
Sì se non avete un PC o una console con cui giocare, e avete una connessione ad internet sufficiente per sfruttare il Geforce Now.
Sì se avete un PC con cui giocare ma volete anche utilizzare parte della vostra libreria di giochi comodamente seduti sul divano senza spostare tutto il vostro setup.
Sì se cercate un centro multimediale perfetto da collegare alla TV per gustare serie tv presenti su Netflix (reattivo e pratico come non mai), sulla chiavetta o hard disk collegati tramite le porte usb o attraverso uno dei tanti servizi disponibili grazie a google play (Infinity, Crunchyroll, Komu, Plex, ecc). I comandi vocali sono perfettamente integrati con la console, riconoscono 9 volte su 10 i comandi ricevuti e sostituiscono in modo completo l’input classico.

Shield TV è senza dubbio il primo passo verso le console del futuro, è un piccolo concentrato di innovazione oggi in un mercato in cui le console “classiche” stanno divenendo sempre più dei piccoli PC da gioco, e apre la strada allo streaming dei giochi con Geforce Now, killer app di questo sistema.
Ovviamente non è perfetta, il prezzo di 199€ per la sola versione 16GB di memoria integrata è alto, ancora di più se si considera la versione con memoria da 500GB a 299€, però è un prodotto unico nel suo genere, non ci sono alternative. Il parco giochi “nativi” è esiguo ma grazie al play store di android è possibile giocare a qualsiasi genere videoludico esistente, mentre Geforce Now è almeno in parte castrato nel nostro paese a causa delle pessime connessioni ad internet disponibili.
Ma è un passo avanti.

Prestazioni8.5
Versatilità7
Usabilità9
Software7.5
Prezzo 6.5

Commenti