DSC_0651

CoolerMaster MasterLiquid Pro 120 – La Recensione

Cari amici Sgleppatori, oggi vi porto la recensione del MasterLiquid Pro 120, il dissipatore top di gamma di casa CoolerMaster con radiatore da 120mm avente pompa e waterblock di nuova concezione, continuate a leggere per saperne di più!

Confezione e Bundle

Il MasterLiquid Pro 120 fa parte della completamente rinnovata lineup di prodotti CoolerMaster MasterX, dove la X viene sostituita dal prodotto in questione (MasterCase, MasterWatt, MasterLiquid, ecc) che hanno come filone comune quello di essere caratterizzati da una ottima qualità costruttiva, un design pulito, semplice ma piacevole.
È proprio così che appare la confezione del dissipatore, riportante sulla parte anteriore solamente il nome del prodotto, una sua immagine e come unico extra la presenza della tecnologia FlowOP, un insieme di tecniche atte a migliorare il raffreddamento, la silenziosità e la durata nel tempo del dissipatore.

Il retro della confezione riposta una breve descrizione del prodotto, una immagine del radiatore, un esploso del nuovo waterblock integrante la pompa e dei disegni riportanti con elevata precisione ogni singola dimensione delle parti che compongono questo All-in-one.

Sul lato destro, invece, troviamo le specifiche complete del prodotto, riportate qui per comodità.

  • Dimensioni (LxWxH): 94.8x68x56.9 mm
  • Dimensioni Radiatore: 145×118.5×38 mm
  • Dimensione ventole: 120x120x25mm
  • Velocità rotazione ventole: 500 ~ 2000 RPM
  • Flusso d’aria ventole: 66.7CFM
  • Pressione statica ventole: 2.34mmH20
  • MTBF ventole: 160.000 ore
  • Rumorosità ventole: 6 ~30 db-A
  • MTBF pompa: 70.000 ore
  • Rumorosità pompa: <12 db-A

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Una volta aperta la confezione, troviamo il tutto ordinatamente disposto dentro scatole di cartone, rimosse le quali possiamo apprezzare il ricco bundle a corredo nonchè l’estremo ordine con cui viene fornita tutta la viteria necessaria: non disposta in separati sacchettini in plastica, bensì all’interno di un blister dove ogni componente ha il suo esatto posto.
Oltre alle staffe e al backplate per i vari sistemi di montaggio, vengono fornite anche due guarnizioni in gomma per smorzare le vibrazioni delle ventole.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Analisi del Prodotto

Le ventole fornite in bundle sono ben due di fattura decisamente buona, si trattano di due esemplari MasterFan Pro 120 ad alta pressione statica dotate di connettore 4pin PWM e selettore di velocità sul retro delle stesse. La ventola è incastrata all’interno di un disco di alluminio al cui sono fissate le 4 estremità della ventola tramite degli agganci in gomma antivibrazione, il che giova alla silenziosità del prodotto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Passando al dissipatore vero e proprio, la prima cosa che notiamo sono i tubi in plastica decisamente brutti alla vista. Anche nell’utilizzo non sono ottimali: troppo poco flessibili e un netto passo indietro rispetto alla concorrenza che adotta tubi in gomma o rivestiti con tessuto intrecciato, rigido ma comunque più comodo della plastica di questo MasterLiquid 120.
Il Waterblock di nuova concezione è massiccio e implementa la tecnologia FlowOP, consistente nel creare due camere separate per il liquido, la superiore, visibile attraverso un coperchio in plastica e un led blu, che ospita il liquido fresco proveniente dal radiatore, mentre in quella sottostante il liquido passa attraverso le lamelle di un blocco di rame a diretto contatto con la CPU, per poi proseguire il suo corso verso il radiatore.
Questa particolare disposizione, a detta di CoolerMaster, aiuta a raffreddare meglio e a prolungare la vita dei componenti dell’ AIO, impedendo al liquido più caldo di procedere nel percorso inverso.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La base è completamente in rame e presenta uno spessore di generose dimensioni, adatto per essere a diretto contatto anche con le CPU più ampie. La base presenta quattro fori, due per lato, a cui avvitare le staffe di ritenzione fornite in bundle per sistemi AMD e Intel: basta inserire il backplate dietro la scheda madre e fissare le staffe alle viti fuoriuscenti.
Da questo componente fuoriesce il cavo a 4pin per l’alimentazione della pompa che va collegato, se disponibile, nel relativo slot sulla scheda madre oppure al connettore CPU Fan.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dal waterblock fuoriescono due tubi dotati di connettore ruotabile di 180°, questo facilita l’installazione e la disposizione degli stessi e mette una pezza alla loro rigidità, ma che comunque non giustifica l’utilizzo di tale materiale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il dissipatore è caratterizzato da un nuovo design del pacco lamellare, più ampio del normale con angoli netti ad onda quadra, secondo l’azienda questo facilita il passaggio dell’aria e fornisce una migliore dissipazione del calore. Le dimensioni sono decisamente generose per essere un radiatore da 120mm che potrebbero diventare un problema nei case più piccoli una volta installate le due ventole in configurazione push-pull.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un particolare davvero di pregio è il montaggio del dissipatore al case: invece di utilizzare una vite per collegare il case con la ventola e la ventola al radiatore, CoolerMaster ha utilizzato una idea geniale: una seconda vite che si avvita sulla testa utilizzata per avvitare la ventola: comodo e geniale.

Montate entrambe le ventole, sorge la seconda criticità del prodotto: tra esse e la pompa bisogna disporre di un fan hub o di ben 3 connettori da 4pin sulla scheda madre, pratica non molto diffusa se non in schede di fascia enthusiast, uno splitter come sul Kraken X61 recensito qui sarebbe stato molto gradito.

Metodologia di prova e Prestazioni

Il dissipatore è stato testato sulla configurazione di prova, che è la seguente:

  • AMD FX 8320 @4Ghz
  • MSI 970 SLI-Krait
  • 2x4GB HyperX Fury @1866Mhz
  • MSI GTX 770 OC Gaming
  • EVGA SuperNova 650 G2
  • NZXT H440
  • 4x NZXT FN V2 140mm

Data l’impossibilità di overclockare ulteriormente il processore tutti i test sono stati eseguiti ad una frequenza di 4Ghz impostanto il vcore in automatico.
Non disponendo di 3 connettori a 4Pin per le ventole e la pompa, sono stati testati due scenari di utilizzo: uno con entrambe le ventole in push-pull al 100% del regime di rotazione, l’altro con una sola ventola collegata ad un connettore 4Pin gestito via PWM.

grafico temperature

Le temperature sono state rilevate dopo 10 minuti di stress test di Aida64, lette attraverso HWMonitor, i test sono stati eseguiti dopo 2h dall’accensione del PC, il liquido quindi si trovava alla temperatura ideale.
I risultati ottenuti sono stati poi comparati con un dissipatore a liquido NZXT Kraken X61in diversi profili di utilizzo e con uno ad aria Noctua NH-D15s.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Conclusioni

Cosa dire in sintesi di questo MasterLiquid 120? Indubbiamente si vede il tocco di CoolerMaster che ha alzato di molto l’asticella della qualità generale percepita e rilevata. Anche se il prodotto in sè è di ottimo livello e promosso a pieni voti, ci sono due difetti, uno trascurabile e l’altro su cui è difficile passare sopra.
Il primo problema è l’elevato numero di slot 4pin richiesti sulla scheda madre per far funzionare al meglio il tutto, nel mio caso ho dovuto scegliere tra usare una singola ventola e avere risultati inferiori alle aspettative oppure usarle entrambe al 100% con si temperature ottime, ma una rumorosità non ignorabile.
Il grosso difetto di cui parlavo prima, invece, è rappresentato dalla scelta dei tubi: la plastica utilizzata rende troppo rigidi i tubi e rende abbastanza fastidioso il loro posizionamento, se avessero usato quelli del fratello maggiore 240 sarebbe stata tutta un’altra storia.
Infine un grosso plauso va alla qualità costruttiva, ai materiali utilizzati nel resto del dissipatore e soprattutto alle ventole, queste MasterFan 120 producono prestazioni pazzesche, tant’è che anche da smontate, girandole con le mani, sarà possibile sentire distintamente il flusso d’aria prodotto.
Grandi assenti sono una illuminazione RGB e un software di controllo, ma sono entrambi fattori relativamente inutili e soggettivi su cui passeremo oltre ma che ci piacerebbe vedere integrati in un successivo modello o una successiva revisione.
Lo streetprice di questo MasterLiquid Pro 120 si attesta attorno ai 95€, un prezzo che ritengo leggermente alto data la concorrenza agguerrita data da dissipatori di stessa dimensione venduti a circa 30€ in meno, ma che non raggiungono però le prestazioni del CoolerMaster.

Voto Generale8.6
Bundle10
Software-
Qualità8.5
Prestazioni9
Prezzo7

STELLE 4 SU 5

Commenti