Fieri come sempre

Occhiali Chemi-on: tamarria e tecnologia

Probabilmente gli occhiali da festa di Chemi-on non vi saranno nuovi, grazie alla grande campagna pubblicitaria fatta dall’azienda sui social come Facebook.

Testare questo tipo di prodotti è difficile, ma fortunatamente c’è stato il gamesweek che mi ha dato modo vedere come un accessorio cosí tamarro possa essere visto dalle persone.

Fieri come sempre
Fieri come sempre

C’è da dire che in moltissimi mi hanno fermato incuriositi dalle animazioni create tramite led, ahimè solo bianchi, presente sulle lenti. La prima domanda era: “Dove li posso comprare?”, seguita dal classico “Quanto costano?”, fattore sul quale torneremo dopo poiché sono il principale punto dolente.

#thatbattery Look abbastanza bulky
#thatbattery Look abbastanza bulky

Partendo abbomba dal loro design non possiamo non notare le aste, decisamente allungate e voluminose per contenere una coppia di pile AAA, incluse nella confezione. L’autonomia non è stata possibile misurarla ma vi basti sapere che sono stati accesi continuamente dalle 9 di mattina alle 18 di pomeriggio. In ogni caso potrete verificare, in modo purtroppo molto approssimativo, la carica rimanente tramite la app sul vostro smartphone.

Purtroppo un’altra cosa che noteremo appena li prenderemo in mano è la loro scarsa qualità costruttiva. Infatti sarà quasi totalmente composto da plastica molto economica e scricchiolante.

img_20161006_093433_stereo

Le lenti, anch’esse in materiale plastico, sono a specchio monodirezionale, ciò significa che la matrice led trasparrà nella sua tamarraggine senza mostrare il circuito sottostante. Purtroppo chi ha la testa molto grande, o chi ha la attaccatura del naso in linea con gli occhi, avrà alcuni problemi a vedere attraverso le feritoie dato che le nostre pupille punteranno direttamente contro il frame nero, facendoceli posizionare sulla fronte come ho fatto io tutta la giornata di sabato. Stranamente proprio grazie alle aste voluminose, risultavano molti più comodi cosí che rispetto al modo tradizionale.

l'equalizer mode è senza dubbio carina ma randomica
L’equalizer mode è senza dubbio carina ma randomica

Poco fa ho parlato di applicazione sul telefono, questo perché sono dotati di modulo Bluetooth che gli permette di caricare nuove animazioni, crearne di personalizzate o di utilizzare la modalità “equalizer” che consiste nel visualizzare tramite colonnine luminose, il suono che viene captato dal telefono. Tuttavia questa modalità è puramente scenica e capta rumori anche nel silenzio totale. Resta il fatto che ad una festa fanno un figurone.

img_20161004_160358_stereo

Naturalmente sono utilizzabili anche senza applicazione, infatti è possibile memorizzare fino a 5 animazioni, di qualsiasi durata, sugli occhiali, selezionabili tramite un tastino posto in alto a destra che funzionerà anche da switch on/off in caso di pressione prolungata.

img_20161006_093548_stereo

Rimanendo sulla companion app c’è da dire che è molto intuitiva ma poco pratica. Ogni volta che accederemo, tramite il collegamento “Explorer”, alle animazioni create dalla community saremo obbligati a creare un nuovo slot nel caso volessimo salvarlo in locale sul telefono.

Community abbastanza attiva
Community abbastanza attiva

Sarebbe stato preferibile aggiungere una funzione “hold to select” per velocizzare il download di più animazioni. Sarà inoltre possibile lasciare mi piace alle creazioni più interessanti cosí da farle finire tra le più popolari. Un’altra pecca è la lentezza con cui vengono recepiti i comandi dalla applicazione. Sarà molto frequente effettuare un tocco di troppo e dover annullare una azione.

Selezionando dal menù principale il tile “creator” sarà possibile creare le proprie animazioni personalizzate e poi, mal caso lo desiderassimo, condividerle con gli altri utenti.

Un po' di sglep qua?
Un po’ di sglep qua?

Come noterete dall’immagine, in senso orario, sarà possibile: copiare ed incollare l’intera matrice disegnata, eliminare la tab sulla quale stiamo lavorando, attivare con tre illuminazioni differenti i vari led toccandoli con il dito, aggiungere tab, traslate tutta la matrice in varie direzioni per facilitarci nella creazione di animazioni dopo aver effettuato un copia incolla, invertire i led accesi con quelli spenti, cancellare alcuni “dot” con la gomma e infine, cancellare totalmente la tab.

Purtroppo viene vista una matrice 9×21 completa, ma i led sul naso non ci saranno, lasciando un vuoto nell’immagine che andremo a creare.

Ora passiamo al vero punto dolente di questo prodotto: il prezzo. Benchè si tratti di un dispositivo che tutti vorrebbero, come al GW, in pochi decidono effettivamente di comprarlo. Personalmente in tutta la fiera ho incontrato solo una persona che li aveva comprati ed il motivo è semplice: 80€ sono dannatamente troppi. Si trovano occhiali di marca a quel prezzo che si, non hanno la componente led, ma sono costruiti con materiali decisamente migliori. Per quanto alle feste facciano attirare l’attenzione e siano utili per rimorchiare, non so quanto questi aspetti facciano giustificare la spesa.

Tamarraggine11/10- come skyrim ma con più led [IGN]
Comodità8/10
Sex appealOver 9000
Longevità10/10
Qualità prezzo5/10

 

stelle-3-su-5

Commenti