open-source-wallpaper-1

10 progetti Open famosi nel mondo

Sentire parlare di Open Source o Open Hardware spesso è inusuale, soprattutto se siamo abituati a vivere in un mondo dove i programmi e i device sono spesso di proprietà di multinazionali. Eppure, possiamo affermare senza dubbio che almeno tutti abbiamo utilizzato o abbiamo visto in azione questa categoria.

Ecco quindi una lista di alcuni progetti Open divenuti celebri nel mondo:

 

arduino_logo-svg_

  1. Arduino: il progetto open source e open hardware, nato in Italia, è divenuto celebre tra i makers per la realizzazione di diversi progetti, che vanno dalla domotica alla robotica. Il successo del progetto è dovuto alla sua versatilità. I campi di applicazione di Arduino sono praticamente illimitati.libreoffice_logo
  2. LibreOffice: è l’alternativo gratuito e libero di MS Office. Completo e installabile su tutte le piattaforme (Windows, Apple e Linux), è sempre più apprezzato dai privati, dalle aziende e dalle Pubbliche Amministrazioni di tutto il mondo. La suite per ufficio contiene i programmi Base, Calc, Draw,  Impress, Math e Writer.android
  3. Android: Il sistema operativo open per mobile più noto. Nasce come progetto della Google Inc. Dalla comunità non è considerato realmente un vero progetto Open Source, anche se il kernel che utilizza è Linux. La licenza con cui è rilasciato (Apache License), potrebbe prima o poi farlo diventare un software completamente proprietario.guidelines-logo-7ea045a4e288
  4. Mozilla Firefox: Il web-browser multi-piattaforma e simbolo della Mozilla. Nasce nel 2002 e si diffonde velocemente tra gli utenti. Tra il 2013 ed il 2015, Firefox segna diversi record, tra i quali il miglior risultato nei benchmark, il raggiungimento dei 500 milioni di utenti ed il riconoscimento tra i 3 migliori browser al mondo.vlc_icon-svg
  5. VLC: il media player più conosciuto al mondo. Oltre ad essere un software multi-piattaforma, nasce nativo di diversi codec per la riproduzione di file multimediali, CD/DVD e per lo streaming. Tra le funzionalità più importanti, il plug-in per Firefox tramite cui possiamo riprodurre direttamente dal browser tutti i file multimediali eseguibili solo da Windows Media Player o da QuickTime.joomla-vertical-logo-light-background-tagline-en
  6. Joomla: è una piattaforma per la realizzazione di siti web in linguaggio PHP. Il software è un CMS (content management system) distribuito come pacchetto compresso che, una volta scompattato, necessita di un database MySQL per funzionare. Come Joomla, anche WordPress e Drupal fanno parte della famiglia dei software piattaforma open source per la creazione di siti web.7z_gr01
  7. 7-Zip: un programma per la compressione di file e cartelle. Nato originariamente solo per i sistemi operativi Microsoft, divenne presto un software multi-piattaforma. Lavora prevalentemente con il formato file .7z ma è interoperabile con altri formati, come il noto .zipblenderdesktoplogo
  8. Blender: è uno degli migliori software per le animazioni e il rendering di immagini 3D. Nato nel 2002 come freeware, divenne poi un open source gestito dall’omonima Fondazione. Tra le peculiarità di Blender, oltre ad essere un programma multi-piattaforma, troviamo l’uso di script in Python.892px-wikipedia-logo-v2-en-svg
  9. Wikipedia: nasce nel 2001 come la più grande enciclopedia collaborativa e multilingue al mondo. I contenuti delle voci di Wikipedia sono distribuite secondo licenze Creative Commons, per garantirne la libera diffusione. Tutti conosciamo il sistema contributivo per la creazione delle voci, che rappresenta sia il punto di forza che il punto debole del progetto. Wikipedia rappresenta uno dei maggiori progetti che aderiscono all’ideologia dell’Open Content, ossia la diffusione dei contenuti culturali in modo libero.serveremulefunzionanti
  10. eMule: un software P2P per il file-sharing. Eseguibile solo su piattaforma Microsoft, grazie alla sua licenza, permette la nascita di aMule, ossia il suo alter-ego per piattaforma Linux. È stato uno dei primissimi programmi P2P ad utilizzare sia la rete centralizzata che decentralizzata.

Commenti